Cosa scatta nella mente di un uomo che, ad un certo punto della sua vita, senza un motivo apparente, si sente completamente soggiogato dal sogno che aveva da bambino? Poter, forse, dimostrare a sé stesso e al mondo che un sogno è un sogno, e che nemmeno il tempo che passa può soffocarlo? O semplicemente un desiderio di riscatto rispetto agli inevitabili fallimenti che la vita ci riserva?
Un desiderio, quello di Gaetano, che si riaffaccia dapprima timidamente, ma che finirà per acquisire un’importanza a tal punto ingombrante nella sua testa da non poter essere più ignorato. Un sogno di bambino che dovrà, tuttavia, fare i conti con il corpo di un uomo soggetto a fragilità caratteriali e fisiche, occupato a fare i conti, fra l’altro, con i problemi della sua incerta quotidianità lavorativa.  
Il bambino non vede limiti ma solo orizzonti, e Gaetano dovrà recuperare appieno la sua visione infantile, senza dubbi ed esitazioni, per poter centrare il suo obiettivo da adulto: partecipare alla maratona di New York. Nonostante tutto e tutti.   

Durante la sua folle corsa verso il traguardo, Gaetano incontrerà un giovane americano che regge il cartello: “The beer is near”, da quel momento i suoi obiettivi diventeranno due: conquistare la medaglia e innaffiare la sua vittoria con una bella birra ghiacciata.

Un racconto. Scritto di getto, circa 10 anni fa, subito dopo la realizzazione di questo sogno, che avevo sin da bambino.

Il racconto di un ragazzo semplice, che ad un certo punto, ha cominciato a correre.. per non fermarsi più. Nonostante acciacchi e problematiche varie di quel 2011.

New York è stata solo la prima di tante altre pazzie, gare, viaggi. Il viaggio che ha dato il calcio di inizio a tanti altri sogni e avventure.

Se ti va e hai voglia di leggere questo racconto verso l’obiettivo dei 42 km e 195 mt della mia prima maratona, questo é il link per acquistare il libro:

Apprezzerei molto una tua opinione o una tua semplice recensione. Grazie in anticipo per il tempo che vorrai dedicarmi.

Intanto, qui sotto, puoi scorrere e vedere alcune delle foto di quella fantastica esperienza newyorkese.

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *